La terza giovinezza di "Jean Gab"

Tre sono i protagonisti di questa storia di mare: Jean Gabriel Daragnes, la sua barca e l'Associazione Delphis Mediterranean Dolphin Conservation.
La storia si svolge lungo la rotta che attraversa le acque predilette dalle creature più dolci e affascinanti dei mari, i delfini.

Ce ne saranno stati sicuramente di più nel 1930, lungo le coste della Francia, quando Daragnes fece costruire dal suo giovanissimo amico Andrè Mauric, il suo cutter, a cui diede il proprio nome, "Jean Gab".
Mauric progettò e realizzò l'imbarcazione presso i cantieri Grossi di Marsiglia con criteri innovativi studiandola con l'armo Marconi. La sua audacia e la sua bravura lo portarono a diventare in seguito il progettista del Pen Duick VI di Eric Tabarly, di France I per il Barone Bich, con il quale partecipò a ben tre edizioni di Coppa America (1970,1974,1977), e ancora di Calypso e Alcyone per Jacques Custeau.
Jean Gab navigò sulle coste francesi fino alla morte del suo armatore, avvenuta nel 1950.

Daragnes, che viveva a Parigi, fu da sempre un appassionato di mare. Nel 1933 divenne pittore ufficiale di Marina, ma anche editore e soprattutto illustratore di testi di grandi personalità che nel fermento di quel Novecento erano considerate ambigue.
Amico di Destouches, in arte Celine, oltre ad aver illustrato i menu dello storico paquebot 'Normandie', Daragnes illustrò un'edizione di Edgar Allan Poe tradotta da Baudelaire e "Femme" di Verlaine.
Pierre Mac Orlan ne scrisse addirittura un Elogio, lui, che con uno stile forse meno sobrio di Conrad, fece sognare e sospirare generazioni di marinai francesi.
Alla morte di Daragnes Jean Gab fu venduta e le fu cambiato nome. Ribattezzata Dune continuò a navigare in Atlantico, confermando la solidità intrinseca dei Cutter che rende queste imbarcazioni uniche per affrontare qualsiasi mare.

Sempre a Marsiglia nel 1999 fu rilevata dall'associazione Delphis MDC che ne ha curato il restauro e ripristinato lo storico nome.
Nel 2000 l'Atelier Polynautic Gruissan ad Aude, in Francia, ne eseguì un onorevole lavoro di restauro secondo i canoni dell'epoca, riportando allo splendore originale i pregiati legni del fasciame in quercia e mogano, le ordinate in quercia e olmo e il ponte in pino dell'Oregon.
Oggi il cutter naviga in Italia nello specchio di mare fra Ischia, Gaeta e Capo Miseno animata dalla salvaguardia per il delfino comune ad estremo rischio di estinzione, a dispetto del nome che porta.
Ne vive una piccola colonia proprio in queste acque e Jean Gab attrezzato per i rilevamenti acustici e visivi li segue, li conta e cerca di proteggerli.

L'Associazione Delphis cerca di dare loro una voce nelle sedi istituzionali perché l'area venga monitorata e perché vengano creati dei corridoi preferenziali per l'intenso traffico nautico che miete vittime superflue in una popolazione già così esigua.
L'Associazione Delphis, socia ARIE, invita tutti gli appassionati di vela e di natura a partecipare alle giornate o alle settimane organizzate per passare una vacanza assieme a ricercatori e biologi professionisti su Jean Gab .
E nel pieno della sua terza giovinezza non è detto che Jean Gab, prima o poi, non faccia di nuovo rotta verso il suo mare natale per incontrare le sorelle minori e rinverdire il ricordo di quegli Anni Trenta così pieni di potenzialità forse non tutte perdute...

Utilizzando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Leggi tutto...